Oms/Ecdc: 33mila morti l’anno per l’Antimicrobico resistenza

Pubblicato il primo rapporto congiunto sulla sorveglianza della resistenza antimicrobica in Europa dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e dall’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa.

“Con oltre 670 000 infezioni batteriche resistenti ai farmaci che si verificano nella sola Ue e circa 33.000 persone che muoiono come diretta conseguenza di queste infezioni, il carico sanitario dell’AMR è paragonabile a quello dell’influenza, della tubercolosi e dell’HIV/AIDS messi insieme”.

Sono questi alcuni dei risultati presentati nel primo rapporto sulla sorveglianza della resistenza antimicrobica in Europa del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e dall’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa mostrano chiaramente che la resistenza antimicrobica è ampiamente diffusa nella regione europea dell’OMS.

Elevate percentuali di resistenza alle cefalosporine e ai carbapenemi di terza generazione in K. pneumoniae e alte percentuali di Acinetobacter spp resistente ai carbapenemi. in diversi paesi, destano preoccupazione. Quando questi antibiotici non sono più efficaci, ci sono opzioni di trattamento molto limitate che potrebbero non funzionare in tutte le situazioni, portando a volte a esiti fatali. La resistenza agli antibiotici di ultima linea compromette anche l’efficacia di interventi medici salvavita come il trattamento del cancro e il trapianto di organi. Sono urgentemente necessari solidi investimenti negli interventi per affrontare la resistenza antimicrobica e avrebbero un impatto positivo significativo sulla salute della popolazione e sulla futura spesa sanitaria nella regione

LEGGI IL RAPPORTO

Related posts

Leave a Comment



SICS S.r.l. Via Boncompagni 16 - 00187 Roma
Partita IVA: 07639150965

Sanitask © 2022