Mete (Card Lazio): I tre Bias del PNRR, Regionalismo – Inazione – Finanziamento strutturale e non corrente

“Le opportunità offerte dal PNRR non possono essere perse” sottolinea Rosario Mete, Presidente della Card Lazio, ma, avverte “dobbiamo in qualche modo affrontare tre criticità di fondo: “Il regionalismo che rischia di essere foriero di una parcellizzazione nella traduzione reale del Piano, l’atavica cultura del nostro Paese di posticipare la realizzazione di iniziative concrete e la natura stessa dei fondi…

Leggi

Guerricchio (Federfarma Basilicata): “Farmacia del futuro parte integrante del sistema di assistenza territoriale”

“Chi da subito ha sposato la prospettiva della farmacia dei servizi si è trovato certamente avvantaggiato e pronto per rispondere all’emergenza pandemica”. Così Antonio Guerricchio, Presidente Federfarma Basilicata secondo cui, però, “essendo la sanità materia concorrente, in ogni caso il sistema si troverà ad avere 21 servizi sanitari regionali differenti”. Fondamentale anche per le farmacie, inoltre, la prospettiva di finanziamento…

Leggi

Ciancaleoni Bartoli (Omar): Quel difficilissimo rapporto tra malattie rare e Covid

La pandemia non ha danneggiato i pazienti con malattie rare e i pazienti cronici soltanto dal punto di vista clinico ma anche e soprattutto da quello organizzativo. Lo sottolinea Ilaria Ciancaleoni Bartoli, Direttore dell’Osservatorio malattie rare (Omar) secondo cui le ondate pandemiche hanno inciso spesso sugli esiti di salute nei malati rari, sulla loro insita fragilità come pazienti ma anche…

Leggi

Garna (Estar Toscana): “Vision One Health per umanizzare anche il procurement”

Nel processo di acquisto di beni sanitari, dispositivi medici, farmaci, tecnologie sanitarie è consueto preoccuparsi di definire molto bene il valore del prodotto finito. Che sia il migliore, che l’acquisto sia il più strategico, economicamente favorevole e sostenibile, che sia costo-efficace. In buona sostanza, se consideriamo la catena del valore, focalizziamo tutto sull’ultimo anello, il prodotto finito. Secondo Antonella Garna,…

Leggi

Alti (Asl Toscana centro): “La Sanità è unica. Non è ospedaliera, non è territoriale”

“Il Pnrr si concentra molto sulle strutture e molto meno sulle persone, sui professionisti che le dovranno animare”. Lo sottolinea Elisabetta Alti, Direttore del Dipartimento di Medicina generale della Asl Toscana Centro, secondo cui la visione del futuro per il nostro Ssn ha un vizio di fondo: concepire il sistema come composto da elementi distinti, ospedale e territorio, che invece…

Leggi

Bellon (Federfarma Veneto): “Farmacia unico presidio sul territorio senza filtri o appuntamenti”

Se da un lato la pandemia ha frenato quella che era la “vecchia” concezione della farmacia dei servizi, paradossalmente ha esaltato il ruolo del farmacista come operatore sanitario di prossimità per molte esigenze dei cittadini. Lo sottolinea Andrea Bellon, Presidente di Federfarma Veneto che, nella sua riflessione, traccia il futuro identitario della farmacia del territorio e del farmacista. “Unico luogo…

Leggi

Trama (Regione Campania): farmacista sempre più attore fondamentale del sistema sanitario

Il farmacista è sempre meno chiuso tra le quattro pareti del suo ambito di lavoro e sempre più proteso e integrato in setting assistenziali anche di grande modernità e attualità come quelli rappresentati dalla telemedicina, dalla sanità digitale, dalla governance di erogazione, somministrazione e monitoraggio dell’aderenza terapeutica anche sul territorio. Ugo Trama, Direttore dellePolitiche del farmaco della Regione Campania traccia…

Leggi

Ricciardi (WFPHA): “Pnrr è una grande occasione ma non sarà la soluzione definitiva”

Le cronicità costituiscono la vera sfida epocale per il nostro paese ed è per questo e il Pnrr, che pure rimane un’occasione irrinunciabile, non rappresenterà la soluzione a tutti i problemi di una domanda assistenziale, soprattutto in ambito territoriale, in crescita progressiva. Ne è convinto Walter Ricciardi, ordinario di Igiene e Presidente della federazione Mondiale delle Società di Sanità Pubblica,…

Leggi

Marra (Aifa): “Impegno regolatorio straordinario, studi clinici e real life valutati insieme”

“Anche l’Aifa, come tutto il mondo della sanità è stato travolto dalla Pandemia da Sars Cov-2 e ha dovuto, in tempi brevissimi, riorganizzare tutti i processi. A cominciare dall’analisi dei numerosissimi Studi Clinici per i quali la Commissione Tecnico Scientifica si è sostanzialmente trovata riunita con ritmi, appunto, emergenziali”. Anna Rosa Marra, Dirigente Area Vigilanza Post marketing di Aifa, intervenuta…

Leggi