Oms: presentato a Ginevra il World Health Statistic 2021

Dal 2000 al 2019, l’aspettativa di vita globale alla nascita è aumentata da 66,8 anni a 73,3 anni e l’aspettativa di vita in buona salute è aumentata da 58,3 anni a 63,7 anni. L’edizione 2021 delle Statistiche sanitarie mondiali riflette lo stato del mondo appena prima della pandemia Covid-19, che minaccia di invertire i recenti progressi nella salute globale. I dati mostrano che l’aspettativa di vita globale alla nascita è aumentata da 66,8 anni nel 2000 a 73,3 anni nel 2019 . Ma anche prima che la pandemia colpisse, i progressi erano troppo lenti e irregolari per raggiungere molti obiettivi, tra cui la riduzione della mortalità prematura per malattie non trasmissibili, l’incidenza di tubercolosi e malaria e nuove infezioni da HIV.

Il Rapporto sulle statistiche sanitarie mondiali è la raccolta annuale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dei dati più recenti sugli indicatori sanitari e relativi alla salute per i suoi 194 Stati membri. Il rapporto 2021 presenta i dati sul bilancio umano della pandemia COVID-19, sottolineando l’importanza di monitorare le disuguaglianze e l’urgenza di produrre, raccogliere, analizzare e riportare dati tempestivi, affidabili, utilizzabili e disaggregati per ragiongere gli obiettivi di salute globali.

A partire dal 1 ° maggio 2021, sono stati segnalati all’OMS oltre 153 milioni di casi confermati di COVID-19 e 3,2 milioni di decessi correlati. La regione delle Americhe e la regione europea sono state le più colpite, insieme comprendendo oltre tre quarti dei casi segnalati a livello globale, con i rispettivi tassi di casi per 100000 abitanti di 6114 e 5562 e quasi la metà (48%) di tutti i COVID-19 segnalati -morti associati che si verificano nella regione delle Americhe e un terzo (34%) nella regione europea.  Dei 23,1 milioni di casi segnalati fino ad oggi nella regione del sud-est asiatico, oltre l’86% è attribuito all’India. Nonostante l’ampia diffusione del virus, fino ad oggi i casi di COVID-19 sembrano concentrarsi prevalentemente nei paesi ad alto reddito (HIC). I 20 HIC più colpiti rappresentano quasi la metà (45%) dei casi cumulativi di COVID-19 nel mondo, ma rappresentano solo un ottavo (12,4%) della popolazione globale. COVID-19 ha fatto emergere disuguaglianze di lunga data tra i gruppi di reddito, interrotto l’accesso ai farmaci essenziali e ai servizi sanitari, ha ampliato la capacità del personale sanitario globale e ha rivelato lacune significative nei sistemi di informazione sanitaria del paese.

Dal 2020, la pandemia COVID-19 minaccia di far deragliare i progressi compiuti verso gli SDG negli ultimi 20 anni, sottolineando al contempo le disuguaglianze esistenti nella salute all’interno e tra i paesi.
Monitorare eventuali cambiamenti negli indicatori relativi alla salute è fondamentale, su tutti i fronti, per identificare dove gli investimenti avrebbero un impatto maggiore per migliorare la salute della popolazione e affrontare le cause profonde delle disuguaglianze, mettendo inclusività ed equità al centro di tutte le risposte di recupero per creare un , mondo più sano.
Dallo smascheramento delle disuguaglianze di salute oscurate all’informazione delle politiche e alla definizione delle priorità degli interventi, i dati disaggregati possono spingere le comunità a raggiungere l’equità nella salute. Con dati più tempestivi e affidabili, i progressi possono essere monitorati in modo più efficace verso tutti gli obiettivi e le priorità di salute a livello nazionale, regionale e globale.

LEGGI IL RAPPORTO

Related posts

Leave a Comment