In Italia alfabetizzazione sanitaria insufficiente per il 23% della popolazione, meno della media Ue

Come è stato dimostrato dai risultati del secondo studio europeo sull’alfabetizzazione sanitaria in 17 paesi europei, molti cittadini europei trovano difficile giudicare le diverse opzioni di trattamento o utilizzare le informazioni dei media per prevenire le malattie o trovare informazioni su come gestire i problemi di salute mentale.

Lo rende noto l’Istituto Superiore di Sanità sul proprio portale riportando i risultati del secondo studio europeo sull’alfabetizzazione sanitaria.

Dieci anni dopo il primo studio europeo sull’alfabetizzazione sanitaria (HLS-EU) in otto paesi dell’UE, sono ora disponibili infatti i risultati del secondo studio europeo sull’alfabetizzazione sanitaria (HLS19), basati sulle esperienze di 42.445 intervistati in 17 paesi della regione europea dell’OMS. I paesi inclusi sono Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Israele, Italia, Norvegia, Portogallo, Federazione Russa, Slovacchia, Slovenia e Svizzera.

Utilizzando strumenti di misurazione di nuova concezione e validati, lo studio si è concentrato sull’alfabetizzazione sanitaria generale e su tipi specifici di alfabetizzazione sanitaria come l’alfabetizzazione sanitaria legata alla navigazione sul web, l’alfabetizzazione sanitaria relativa alla comunicazione con i medici, l’alfabetizzazione sanitaria digitale e l’alfabetizzazione sanitaria relativa alle vaccinazioni. Inoltre, l’alfabetizzazione sanitaria e la qualità della vita correlata alla salute sono state analizzate in relazione ai costi sanitari. Il rapporto internazionale sulla Metodologia, i Risultati e le Raccomandazioni dell’indagine europea sulla popolazione sull’alfabetizzazione sanitaria 2019-2021 (HLS19) dell’OMS Action Network on Measuring Population and Organizational Health Literacy (M-POHL) è disponibile qui.

I principali risultati dello studio sono:

Italia

· In Italia, la percentuale complessiva dei 3500 intervistati che hanno selezionato ‘molto difficile’ o ‘difficile’ alle domande del questionario comune a 12 items (HLS19-Q12) è il 31%, rispetto ad una media dei 17 paesi del 23%; 53% ha risposto ‘facile’ e 16% ‘molto facile’.

· Ciò si riflette, nel campione italiano, in un 23% di persone con livello di Health Literacy ‘inadeguato’, 35% ‘problematico’, 34% ‘sufficiente’ e 9% ‘eccellente’; le percentuali corrispondenti nel campione complessivo dei 17 paesi partecipanti sono 13%, 32%, 40% e 15%.

· Data l’emergenza della pandemia COVID-19, l’Italia ha aggiunto un modulo specifico di 16 domande riguardanti le difficoltà nel reperire, comprendere, valutare e prendere decisioni in base alle informazioni sulla salute disponibili, da cui è emerso che il 6% ha risposto ‘molto difficile’, 25% ‘difficile’, 52% ‘facile’ e 17% ‘molto facile’.

Europa

· Tra il 25% ed il 72% degli intervistati è stato identificato come soggetto a problemi di alfabetizzazione sanitaria, quindi, a seconda del paese, da un residente su quattro a tre residenti su quattro hanno un’alfabetizzazione sanitaria limitata. La distribuzione dei livelli di alfabetizzazione sanitaria varia ampiamente all’interno dei paesi e tra i paesi e può anche essere influenzata dalle differenze nelle metodologie applicate.

· Un’ampia percentuale ha riscontrato difficoltà nel giudicare le diverse opzioni di trattamento farmaceutico o chirurgico, nell’utilizzare le informazioni dei media per prevenire le malattie e nel trovare informazioni su come gestire i problemi mentali.

· Per quanto riguarda l’alfabetizzazione sanitaria legata alla navigazione sul web, i partecipanti hanno trovato molto difficile comprendere le informazioni sulle riforme sanitarie, giudicare l’idoneità dei servizi sanitari, scoprire i diritti dei pazienti e giudicare l’estensione della copertura assicurativa sanitaria.

· Per quanto riguarda l’alfabetizzazione sanitaria relativa alla comunicazione con i medici, ottenere abbastanza tempo dai medici ed esprimere opinioni e preferenze personali è stato perseguito con maggiore difficoltà. Inoltre, è stato riscontrato che i partecipanti con una minore alfabetizzazione sanitaria hanno più contatti con medici di famiglia e servizi di emergenza.

· Per quanto riguarda l’alfabetizzazione sanitaria digitale, giudicare l’affidabilità delle informazioni, giudicare se le informazioni vengono offerte con interessi commerciali e utilizzare le informazioni per aiutare a risolvere un problema di salute è risultato essere più difficile.

· Per l’alfabetizzazione sanitaria sulle vaccinazioni, giudicare di quali vaccinazioni si abbia bisogno e trovare informazioni sulle vaccinazioni raccomandate sono stati percepiti come i compiti più difficili. Inoltre, una migliore alfabetizzazione sanitaria in materia di vaccinazione ha mostrato un effetto positivo sul comportamento vaccinale auto-riferito, una relazione che è almeno in parte mediata dalla fiducia nelle vaccinazioni, dalla conoscenza del rischio e dalla percezione del rischio.

· Una cattiva condizione di salute auto-percepita, un basso status socio-economico e l’indigenza finanziaria sono stati associati sia a una minore alfabetizzazione sanitaria generale che alle specifiche alfabetizzazioni sanitarie analizzate. Un livello di istruzione non elevato è stato anche associato ad una bassa alfabetizzazione sanitaria generale, nonché ad una povera alfabetizzazione sanitaria digitale e vaccinale.

È stato evidenziato un gradiente sociale per tutti i paesi, anche se di grado diverso da un paese all’altro. La deprivazione finanziaria e il basso livello di auto-percezione nella società sono stati predittori significativi di una minore alfabetizzazione sanitaria per tutte e cinque le misure.

· La condizione di una scarsa alfabetizzazione sanitaria è associata a una minore attività fisica e a un minor consumo di frutta e verdura, a una minore percezione di sé stessi, a maggiori limitazioni nelle attività dovute a problemi di salute e a più malattie/problemi di salute a lungo termine.

A causa dei diversi metodi e tempi di raccolta dei dati, le differenze tra i singoli paesi devono essere interpretate con cautela, così come qualsiasi ipotesi causale sui potenziali effetti dovuti al disegno dello studio trasversale. Le variazioni tra i paesi confermano che l’alfabetizzazione sanitaria è un concetto contestuale da misurare e valutare regolarmente a livello di paese e comunità. La prossima indagine europea sull’alfabetizzazione sanitaria è prevista per il 2024.

Per colmare il divario di alfabetizzazione sanitaria, il rapporto presenta un elenco di raccomandazioni su come migliorare la politica, la ricerca e la pratica, tra cui 1. Concentrare gli sforzi per consentire alle persone di accedere, comprendere, valutare e utilizzare al meglio le informazioni per rafforzare l’assistenza sanitaria, la prevenzione delle malattie e la promozione della salute, 2. Implementare una misurazione regolare e periodica dello stato e dei progressi dell’alfabetizzazione sanitaria nella popolazione, 3. Implementare in modo sistematico l’alfabetizzazione sanitaria nelle scuole, nella formazione degli adulti, nei media, ecc., 4. Individuare i gruppi a rischio per ridurre le disuguaglianze di alfabetizzazione sanitaria, ad es. per la salute mentale, 5. Migliorare la comunicazione e l’interazione in contesti rilevanti per la salute, 6. Sviluppare la capacità di alfabetizzazione sanitaria della forza lavoro per migliorare la salute e il benessere, 7. Migliorare i sistemi e le organizzazioni sanitarie per renderli più attenti all’alfabetizzazione sanitaria, ad esempio, più facili da navigare e 8. Aumentare l’affidabilità dell’informazione e della comunicazione sulle vaccinazioni.

LO STUDIO

Related posts

Leave a Comment